È molto probabile che la coltura dell’olio nel Triveneto sia stata introdotta dai coloni romani dell’Imperatore Augusto, inizialmente lungo le rive del Lago di Garda.
Notizie certe ci sono nell’Alto Medioevo: documenti del IX sec. citano di oliveti che dall’area gardesana - Riva del Garda e Malcesine - si svilupparono poi verso le colline della Lessinia fino a quelle vicentine, asolane e alle pendici dei Colli Berici ed Euganei, fino ad arrivare nel Friuli Venezia Giulia.
Dalla campagna veronese fino al limitare della provincia di Treviso, l’olivo trova terreno fertile, affiancandosi ai celebri vigneti simbolo della regione.
Oggi la superficie olivetata regionale si espande su 5.020 ettari, con una produzione che sfiora le 1.972 tonnellate, potendo contare sull’attività di 52 frantoi.
La produzione veneta, presenta quattro realtà territoriali: la menzione geografica “Orientale” della - interregionale - DOP Garda, e le sottozone “Valpolicella”, “Euganei e Berici” e “Del Grappa” facenti parte della DOP Veneto.
Varietà tipiche sono la Grignan, la Favarol, la Trep e la Rasara, cultivar resistenti alle basse temperature. Gli oli sono molto apprezzati e dotati di ottima personalità, con note di banana verde e fruttato medio.


I dati I dati statistici riportati nei paragrafi dedicati alle si riferiscono alle stime di:
Marco Oreggia, Flos Olei 2017; Stime Ismea su dati Agea al 15 Febbraio 2017 (elaborazioni su dichiarazioni frantoi);
National Institute of Statistics, Service Institute for the Agricultural and Food Market on data from the Agency for Agricultural Payments.


Contatti Unione
 
È POSSIBILE CONTATTARE L'UNIONE
Presso: Morbio Stefania - Camera di Commercio di Verona
Telefono: +39 045.8085859
Fax: +39 045.8085861
E-mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.