Su un territorio in gran parte impervio, montuoso per quasi l’80%, l’olivicoltura viene praticata da tempo immemorabile, almeno da due millenni. È lungo l’elenco delle citazioni classiche che parlano del Molise oleario: Catone il Censore, Marco Terenzio Varrone, Strabone, Quinto Orazio Flacco, Giovenale e Plinio il Vecchio. La letteratura latina ci ha tramandato numerose testimonianze storiche sull’apprezzamento degli oli prodotti nel Frentano e nel Venafrano.
Gli oliveti molisani sono impiantati prevalentemente a ridosso della fascia litoranea e sulle colline preappenniniche. La cultivar più rappresentativa della DOP Molise è la Gentile di Larino, seguita dalla Aurina, Rosciola, Oliva nera di Colletorto, Cellina di Rotello, Cerasa ed altre minori.
Gli oli molisani si contraddistinguono per un fruttato di particolare delicatezza e intensità, con apprezzabili note di amaro e piccante.
Il settore olivicolo molisano può contare su una superficie coltivata di circa 12.901 ettari, con una produzione di olio che sfiora le 1.400 tonnellate, avvalendosi dei 110 frantoi attivi sul territorio regionale.


I dati I dati statistici riportati nei paragrafi dedicati alle si riferiscono alle stime di:
Marco Oreggia, Flos Olei 2017; Stime Ismea su dati Agea al 15 Febbraio 2017 (elaborazioni su dichiarazioni frantoi);
National Institute of Statistics, Service Institute for the Agricultural and Food Market on data from the Agency for Agricultural Payments.


Contatti Unione
È POSSIBILE CONTATTARE L'UNIONE
Presso: Sig. Andrea Giordano, Camera di Commercio di Pescara
Telefono: +39 085.4536216
Fax: +39 085.690870
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.